schiena

Pubblicato: luglio 17, 2014 in poesia
Tag:, ,

Potessi con dita leggere
seguire l’ellisse della tua schiena
contarne le vertebre
come grani di sale
sentirli uno ad uno sotto le dita,
potessi calmare la sete
al centro preciso di te
e vivere come mai abbiamo vissuto
come gli astri per sempre
o per un breve minuto.
Io sono l’uomo che cammina al tuo fianco
dipingendo le stelle
io farabutto e bagascia
io che ho rubato la luna
io rapitore, aedo del niente
sfioro leggero il tuo viso
mentre dentro me, dal profondo,
voglio serrare le mani alla gola.

(L’Attimo e l’Essenza)

 

Annunci
commenti
  1. tachimio ha detto:

    Molto intensa. Mi piace. Isabella

  2. marzia ha detto:

    Incede bene, questa lirica. Aedo, poi, è una parola che mi garba molto. 🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...