il silenzio

Pubblicato: dicembre 15, 2014 in frasi, lettori, libri, poesia, racconti, scrittori, scrittura
Tag:

È il silenzio che permette alle parole di implodere. Entrano e scavano. Cerchiamo palliativi al dolore, ma spesso ci limitiamo a medicare malamente una ferita. Succede quando facciamo corrispondere altro, al bisogno d’amore che ci dilania. Tradiamo la nostra natura e gettiamo sale sulle ferite che restano aperte, permettendo l’ingresso al caos, al bisogno di vuoto e di nulla.
Come riparare l’anima lacerata? Non bastano psicanalisti, amici consenzienti, rimedi a basso costo. Non basta fingere di essere felici, accumulando illusioni su illusioni. C’è bisogno di tornare alla radice di ciò che siamo, al perché nasciamo, respiriamo, camminiamo, amiamo.
Accogliere la domanda è il primo passo per aprire la porta a risposte imprevedibili.

Annunci
commenti
  1. tachimio ha detto:

    Solo cercando risposte attraverso domande da porsi, si cresce .Un abbraccio. Isabella

  2. Erik ha detto:

    l’anima lacerata secondo me si ripara donandole ciò di cui ha bisogno, ciò che ne compone le radici, ciò che le nutre la struttura ciò che le alimenta l’energia… e tutto questo è unico e diverso per ogni essere vivente.. e solo la singola persona può sapere di che ha bisogno la sua…

  3. aloegenio ha detto:

    L’anima lacerata puo’ essere aiutata da chi fa da contenitore a tutti i brandelli strappati, li conserva e li restituisce quando l’anima una volta placata e’ pronta a ripartire con slancio alla vita

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...