Eros

Pubblicato: ottobre 4, 2015 in frasi, lettori, libri, poesia, racconti, scrittori, scrittura, Uncategorized
Tag:

Così Platone definisce l’origine dell’amore. Durante il banchetto in onore della nascita di Afrodite, Penìa (la povertà) venne a mendicare e vide Poros (l’espediente) che dormiva ubriaco. Penìa ne approfittò e dall’unione con Poros nacque Eros.
Mito davvero illuminante. Dopo che Zeus ebbe diviso l’androgino, quell’essere perfetto composto dalla somma di maschile e femminile, le due metà non smisero di cercarsi per ricostruire l’unione perduta. E in fondo l’amore è davvero questa pulsione eterna che vuole ricomporre una primordiale scissione. Eros è figlio di Penìa, che incarna la sofferenza della privazione, e di Poros, che esprime il bisogno di appagamento del desiderio. E l’amore non è che questa folle ricerca di un completamento e di una complicità istintiva. È il bisogno di riempire un vuoto. È il nulla di Penìa e la passione di Poros, più che mai evidenti nella costante ricerca di dare un senso a questo nostro apparente brancicare nel buio.

Annunci
commenti
  1. Eli. ha detto:

    Vero..così è! Purtroppo.
    Ciao buona giornata.
    Eli.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...