Il pegno del corpo

Pubblicato: ottobre 17, 2015 in frasi, lettori, libri, poesia, racconti, scrittori, scrittura, Uncategorized
Tag:

C’è un pegno del corpo, un dazio da pagare. Col tempo ti accorgi che un giorno hai smesso di crescere e hai cominciato a decrescere. Qualcuno la chiama vecchiaia, un altro ti dice che il tempo passa per tutti e nessuno è immune dal crudele involversi della vita. Così osservi un bambino giocare e capisci che un giorno hai smesso di farlo. E la parabola non punta più al cielo, ma lenta sta tornando alla terra.
Tutto è relativo e tutto ti avvolge e modifica. Eppure hai dentro un istinto, un pensiero sommesso che chiama e ti fa pensare che in fondo l’idea della fine non è altro che il temporaneo trasformarsi di un’eternità appena intuita.

Annunci
commenti
  1. Eli. ha detto:

    Intensa profonda e vera questa delicata riflessione.
    Mi piace molto.
    Lieto giorno
    Eli.

  2. kalosf ha detto:

    Bellissimo. Davvero

  3. newwhitebear ha detto:

    E’ una ruota che gira inesorabile e non puoi farci nulla.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...