La voce tua

Pubblicato: gennaio 15, 2017 in citazioni, frasi, lettori, libri, poesia, scrittori, scrittura, Uncategorized
Tag:

Quanto stridente suona la voce tua
che un tempo fu malia di marinai,
quanto gelide le dita che colsero ieri
le mie parole dalla lingua come rose
accarezzando la fronte con gesto di madre
e sfiorandomi le palpebre come sonno leggero.
Quanto appare artefatto ai miei occhi
il sorriso di ghiaccio e tempesta
dono velenoso che ancora mi porgi
divoratrice di sogni, tu che oscurasti le stelle
smorzando il fragore del canto
tu dissonante armonia di sapienza, corrotta
farfalla che serpe diviene maledicendo la vita
e muta le squame e avvolge più strette le spire,
concentrici accenti di una freschezza smarrita.

Guido Mazzolini

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...