Un celeste divenire

Pubblicato: luglio 23, 2018 in citazioni, editori, erotismo, frasi, lettori, libri, racconti, scrittori, scrittura, Uncategorized
Tag:

Ricominciai a soffrire d’insonnia. Fissavo il soffitto e lasciavo scorrere processioni di immagini davanti agli occhi, fino a che diventavano così lontane da percepirne solo i contorni. Restavo immobile e ascoltavo il mio respiro amplificato dal silenzio. Patrizia dormiva accanto a me, la sua nudità mi sembrava uno sconcio prodigio. La pelle calda, un bozzolo palpitante attorno a una vita più piccola, un corpo che ne conteneva un altro. Scostavo i capelli e le accarezzavo una guancia, scivolavo lungo l’incavo del collo. Percepivo la giugulare pulsare di esistenza, strisciavo sulla pelle liscia della spalla, sfioravo i seni e contavo le costole, attraversavo la pianura dello stomaco e il pozzo breve dell’ombelico. Mi attardavo sul ventre, tracciando una linea retta tra le punte sporgenti del bacino. Pensavo che sotto quel solco immaginario dormisse mio figlio.

Mi piace questo libro perché parla d’amore. E l’amore, si sa, “move il sole e l’altre stelle”

Il romanzo di Guido Mazzolini “Un celeste divenire” lo puoi trovare qui

 

Annunci
commenti

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...