Un celeste divenire

Pubblicato: gennaio 17, 2020 in anima, citazioni, editori, erotismo, frasi, letteratura, lettori, libri, poesia, racconti, scrittori, scrittura, Uncategorized
Tag:

Ammirai quella forza sgorgata all’improvviso e subito trattenuta. La lasciai fare e implorai il suo perdono. Dissi che non era quella la nostra stagione. Le descrissi l’uomo che avrebbe dovuto amare, vigoroso e solido, un tronco ben piantato nella terra, rigorosamente l’opposto di me. Deliravo. Il solito monologo sussurrato con gli occhi gonfi, recitando la parte del cinico.
Ci lasciammo così, prima di cominciare. Il tuffo della rondine si concluse con un tonfo sordo sull’asfalto. Tuttavia mi rimase vicino, qualche telefonata ogni tanto, un caffè e una passeggiata in centro. Anche quella volta il caos aveva preso il sopravvento. Inutile illudermi. Non ero pronto a un’alba nuova, preferivo chiudere le finestre e impedire all’aria fresca di entrare. L’ancora rimase calata, aggrappata al fondo di un mare immobile.

Dal romanzo “Un celeste divenire” di Guido Mazzolini

commenti
  1. Mr.Loto ha detto:

    Non ho ancora letto nulla di questo autore, devo rimediare. 🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...