Un mutevole presente

Pubblicato: maggio 1, 2020 in anima, citazioni, editori, erotismo, frasi, letteratura, lettori, libri, poesia, racconti, scrittori, scrittura, Uncategorized
Tag:

Percorriamo un mutevole presente, a volte confuso nel ricordo di un passato trascorso oppure nascosto nel sogno di un previsto futuro. Illusi, nell’inganno di possedere il nostro tempo. Ma non è dato sapere come sarà il domani. E nemmeno abbiamo la certezza di averlo, un domani. È questa la condanna di chi considera l’esistenza un mero fenomeno biologico. Niente è certo e ogni istante trascina un’incognita successiva, un salto nel vuoto che toglie il respiro. A volte vince l’arroganza, si tendono i muscoli e si serrano i denti, ma basta poco per sciogliere il gelo, per comprendere la provvisorietà di chi vive da un posto all’altro, da un respiro a un silenzio. Esistere è un eterno oggi, è la dimensione di un presente che ci appartiene senza essere davvero nostro, è l’elegia di una vita avuta in dono e che un giorno dovremo restituire. Un eterno oggi, un adesso prezioso che troppe volte sprechiamo, distratti e assonnati, annoiati galleggiando nell’acqua piatta di in una vita che sembra aver perso ogni bellezza e ogni luccichio di novità. Coltiviamo l’infelicità, nel ricordo di quello che non c’è o nell’ipotesi di ciò che potrebbe essere.
Arrendiamoci al presente. C’è un attimo nuovo che aspetta, nascosto dietro un angolo di dubbio. A nessuno è negato l’adesso. Siamo qui, siamo ora, e non ci accorgiamo del miracolo di un presente che si rinnova ogni istante, Nulla è ripetibile e tutto può essere migliorato, con pazienza e umiltà, accogliendo l’oggi, accogliendo la vita e il desiderio di uscire da noi stessi per incontrare l’altro. È questo il regalo del presente, la possibilità di ripartire dal prodigio di un incontro, dal saluto di un giorno nuovo, dalle domande che accomunano l’umanità. Noi inquieti e insicuri, schegge del medesimo specchio. Una grande famiglia che attende risposte e che spesso le cerca nel fragore di un temporale, quando invece potrebbe trovarle nel mormorio leggero del vento.

Guido Mazzolini

commenti
  1. Giacomo Manini ha detto:

    Viva l’eternità racchiusa nell’istante che si dischiude tra un respiro e l’altro..
    Grazie per aver condiviso queste belle parole!

  2. Alessandro Germano ha detto:

    Ciao Elena, ho scoperto con piacere il tuo blog. Grazie per essere passata sul mio sito. Un caro saluto!

Rispondi a abdensarly Cancella risposta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...