Ne abbiamo paura. Fingiamo di non pensarci, accantoniamo l’idea come un frutto avariato in una cesta. Lo mettiamo da parte per non pensarci, lo nascondiamo con emozioni di ogni genere, sensazioni più o meno forti che impregnano il nostro quotidiano.
Il pensiero della morte è il grande assente di questo tempo affrettato, nessuno ne parla, è l’ospite indesiderato, quello che nessuno vorrebbe alla propria tavola. E a volte bussa alla porta, chiede di entrare. È una voce fuori dalla finestra. Succede all’improvviso, una notizia al telegiornale oppure l’automobile che sbanda. E ci pensi, e te ne accorgi. Perché che ti piaccia o no siamo circondati dalla morte. Guerre, violenze, la parte bestiale dell’uomo che prende il sopravvento. E se non bastasse c’è la natura a fare il suo dovere. È la conclusione della vita di tutti, la chiamano morte naturale e suona come un ossimoro. È una cosa che stride nella nostra vita e interroga la coscienza.

Guido Mazzolini

commenti
  1. Di questi tempi grami è un’assenza invadente.

  2. Martina ha detto:

    Molto duro, ma molto reale. io ci penso a volte. Quando perdi, velocemente, dei riferimenti importanti, quando stai con loro negli ospedali, la respiri, la vedi, vedi il time out. Mi fa paura, mi soffoca, mi toglie il respiro. L’ho vista. L’ho vista arrivare a prenderli, la bastarda. La coscienza si interroga, la vita si spaventa.

  3. telipinu ha detto:

    pensavo la stessa cosa proprio oggi. Abbiamo creato interi mondi, civiltà, sistemi culturali, per distrarci da questo pensiero… non so perché ma questo mi riempie di compassione per l’umanità.

  4. Tesla Afterburner ha detto:

    Io credo che la morte sia solo uno stato transitorio, una trasformazione invece che la fine. Non so se ne sono sicuro, ma preferisco pensare che sia così.

  5. Penso che dovremmo recuperare un rapporto quanto più sereno possibile con quella che San Francesco d’Assisi (si festeggia oggi) chiamava “sorella morte”. Nel mio caso lo stimolo a pensarci è arrivato da un autore non religioso, lo psicologo Luca Mazzucchelli. Ha caricato diversi video YouTube sull’argomento e ha mostrato come il rapporto che si ha con la morte incida tantissimo anche sulla vita. Lo consiglio.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...