Che cos’è verità? Da sempre l’uomo si è posto questa fatidica domanda, la stessa che – come raccontato nei Vangeli – Pilato rivolse a Gesù prima della condanna a morte. Questa domanda è metastorica e permea l’intera evoluzione dell’uomo, dall’origine fino a oggi. L’arte in generale è la rappresentazione costante di una ricerca della verità, tesa verso valori e significati assoluti che esulino da una mediocrità terrena, limitata nel tempo e nello spazio. Che cos’è verità? Tra le molteplici risposte abbiamo confezionato dei comodi alibi per giustificare la nostra incapacità di trovare una verità assoluta, legata a valori universali. E si dice perciò che la verità non esiste. La nostra incapacità è generata dal fatto che spesso ci accontentiamo di risposte confezionate ad arte e le indossiamo come un abito stretto, deformandole e rendendole “comode” e adatte a noi. Ecco che diventa vero ciò che ritengo essere vero, in base alla mia esperienza o scelta. La mia verità è diversa dalla tua, e spesso è in concorrenza con altre verità. Piccole conclusioni che ergiamo a valore assoluto della nostra vita. È un relativismo legato a punti di vista opinabili e variegati, a considerazioni personali o, peggio, a ricette preparate da altri che facciamo nostre. E quante verità consegnate dalla storia, e subito dimenticate. Quanti miti di progresso che col pretesto di rendere l’uomo libero lo hanno ridotto a un povero animale da soma, utile solo perché produce e consuma. Quid est veritas? Dopo aver rivolto la domanda, Pilato se ne andò, senza nemmeno attendere una risposta. Anche noi ci accontentiamo di una domanda lasciata svanire nel vento. Difficile riconoscere la verità nello sguardo di un condannato a morte, nella figura di un uomo destinato alla croce e al martirio. Eppure Pilato aveva davanti a sé la risposta, la verità fatta persona e divenuta carne e sangue. La verità calpestata dagli uomini fino alla morte. La verità che avrebbe portato una luce nel mondo, destinata a non spegnersi.

Guido Mazzolini

commenti
  1. Bella questa riflessione. Secondo me, una verità assoluta non esiste e non esisterà mai, cioè che vedo sono tantissimi punti di vista: “il bicchiere può essere mezzo pieno o mezzo vuota”, dipende da chi lo guarda. Un abbraccio!

  2. Cinicamente ha detto:

    Una volta ho letto che esistono tre verità: la tua verità, quella dell’altro e infine la verità.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...