Quando il numero delle notti che restano si fa più sottile, ti domandi come sia stato possibile lasciare correre il tempo e accumulare istanti su istanti, giorni su giorni, vita su vita. Il percorso della gioia è un viale privato, ben nascosto tra le pieghe della fronte, nel ricordo di un tempo buono e fuggito. È facile pensare a quando tutto scivolava senza intoppi, e il tempo era un’ansa di fiume che lavava peccati e pensieri. Facile pensarlo, soprattutto quando davanti agli occhi scorre un tempo irto di spigoli, un cammino faticoso di problemi e notti insonni. Allora meglio nutrirsi di immagini perdute, conservate nella memoria e mitizzate, giorni deboli resi forti dal meccanismo sottile del ricordo, giorni insapori che oggi appaiono dolcissimi perché non ci sono più. Il tempo è un regalo prezioso che non ti appartiene, puoi solo danzarlo e giocarlo. Siamo fatti così, inconsapevoli e troppo al riparo. Distratti. Sogniamo futuri e rimpiangiamo passati, senza vivere davvero il presente.

Guido Mazzolini

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...