Voleva fuggire da un dolore senza senso, unica certezza di un futuro incerto. Voleva eliminare le lacrime e la sofferenza della fase terminale del suo tumore. Ha chiesto “aiuto” a Marco Cappato che l’ha accompagnata a morire. Così è terminata la vita di Elena Altamira, uccisa da un mix di farmaci in una clinica svizzera. La donna di 69 anni, sposata e madre di una figlia, era ammalata di un microcitoma polmonare con pochissime speranze di sopravvivere.
Mi torna in mente Fabiano – meglio conosciuto come DJFabo – e la sua storia che risale a cinque anni fa. Elena non era appesa a macchinari medici, la sua vita non dipendeva da sostegni vitali. Davanti a lei solo l’attesa di una fine. E in questa attesa terribile si è infilato un silenzio che annienta, circondato da una solitudine disperata.
Le è mancata la speranza più importante, quella che fa andare avanti nonostante tutto, anche al di là della ragione umana. Non voglio perdermi in giudizi bacchettoni, ci vuole rispetto e vicinanza al cospetto di una tragedia così grande, davanti a una donna che incontra una malattia terribile e sceglie di darsi la morte. Sembra che nessuno sia stato in grado di riempire il vuoto, di combattere l’angoscia, tutti sconfitti davanti a un mostro che non si chiama soltanto cancro, ma paura di non farcela, di sentirsi insufficienti e soli davanti al dolore. L’unico “amico” in questa storia sembra essere stato Marco Cappato, che con la solita triste solerzia ideologica si è presentato all’appello diventando accompagnatore dell’ultimo viaggio di Elena. Nessun’altro vicino a lei, nessuna speranza, soltanto il fantasma di un’attesa alla quale porre fine in fretta, per non scivolare arresi verso la morte, fatti a pezzi dalla paura.
Come sarebbero stati gli ultimi giorni di Elena se avesse preso una strada diversa, se non fosse caduta in questa trappola? Ci penso e credo che sarebbero stati giorni preziosi, ricchi e pieni di doni, nella consapevolezza che ogni istante è un regalo da vivere e condividere con i propri cari, giorni pieni d’amore e non vuoti di speranza, in attesa di un nuovo inizio, in attesa di un Altro che ci attende da sempre.

Guido Mazzolini

commenti
  1. Sossu ha detto:

    Guido non so dare una risposta …
    È naturale chiedersi come sarebbe stata la vita di Elena, perché non lo sappiamo
    Racconto brevemente di esperienze vissute , care amiche che ho seguito fino alla fine : sono diverse una dall’altra, né bastano la fede ,né l’affetto e il sostegno della famiglia .
    È giunti al termine vivendo come meglio si poteva entrambe , una s è giunta al trapasso serena e l’altra ha chiesto l’aiuto per porre fine al suo grande dolore . Buona notte ☮️

  2. Gennaro Cerbone ha detto:

    Non riuscire ancora a legiferare su un tema così importante, il fine vita. Questo deve farci riflettere. La vita è una sfida ma una sfida è anche porre fine all’esistenza, vincere la paura della morte vuol dire dare un senso alla morte che è una giusta conclusione e l’uomo deve essere lasciato libero di dare una giusta conclusione alla sua vita, con coraggio e senza ipocrisie.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...