Che ne sarà dei sogni, dove andranno i desideri? Forse la voglia di infinito che scuote la nostra imperfezione non è soltanto l’estensione di una coscienza evoluta, ma è carne e sangue da incontrare, è la meta ultima di un desiderio. Forse il bisogno di eternità che squilla nelle orecchie è la voce di ciò che sarà il nostro futuro, come un segnale che dovrebbe essere fiamma vivida, ma che spesso riduciamo a una candela fioca, nella tempesta di un nichilismo che annienta. E a pensarci bene è tutto qui.
Siamo uomini che si illudono di essere dei e che hanno addentato la biblica mela, scordando l’origine. Animali evoluti, foglie staccate dal ramo. Frecce impazzite, dimentiche dell’arco che le ha scagliate a cavalcare stelle e infinito.

Guido Mazzolini

commenti
  1. Nemesys ha detto:

    Bella e potente come una poesia 🥀🥀🥀

  2. Il Principe ha detto:

    Veramente diretta al punto, mi sono ritrovato molto in questo pensiero. Soprattutto sulla “superbia” dell’animale uomo e sulla semplice ma complicata questione del destino è futuro. Grazie

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...