Archivio per la categoria ‘editori’

Ne abbiamo paura. Fingiamo di non pensarci, accantoniamo l’idea come un frutto avariato in una cesta. Lo mettiamo da parte per non pensarci, lo nascondiamo con emozioni di ogni genere, sensazioni più o meno forti che impregnano il nostro quotidiano.
Il pensiero della morte è il grande assente di questo tempo affrettato, nessuno ne parla, è l’ospite indesiderato, quello che nessuno vorrebbe seduto alla propria tavola. Ma a volte bussa alla porta, chiede di entrare. È una voce fuori dalla finestra. Succede all’improvviso, una notizia al telegiornale oppure l’automobile che sbanda. E ci pensi, e te ne accorgi. Perché che ti piaccia o no siamo circondati dalla morte. Guerre, violenze, la parte bestiale dell’uomo che prende il sopravvento. E se non bastasse c’è la natura a fare il suo dovere. È la conclusione della vita di tutti, la chiamano morte naturale e suona come un ossimoro. È una cosa che stride nella nostra vita e interroga la coscienza.

Guido Mazzolini

Annunci

Ondeggi su me come un ricordo antico, un pensiero da nutrire per l’eternità. Arrivi all’improvviso, mi culli come un feto e mi riscaldi. Tutto sembra possibile, anche sciogliere il ghiaccio che da secoli ha incrostato la mia anima ibernata in una sicurezza gelida, come chi resta immobile ma respira tranquillo e sicuro, dormiente in uno sterile letargo. Arrivi all’improvviso e all’improvviso te ne vai senza un apparente motivo, nemmeno una scusa, mi squarci il petto nudo, mi baci e mi strappi il cuore.
Davvero questo rito primitivo, come primitivi possono essere i sentimenti e gli istinti, mi sconcerta e mi lascia attonito e stordito; davvero mi è sembrato possibile tutto questo, l’averti incontrato, sfiorato e condiviso, confidando in una pazienza che non hai, in quel sapere attendere e seguire i tempi sincopati del mio sentire, le aritmie della mia anima; così la ruota gira e noi come palle da biliardo rimbalziamo seguendo traiettorie definite ma incomprensibili.
La musica si strofina come un gatto sulla mia pelle chiara, si sdruce nelle mie ossa, le sbriciola ad una ad una per poi ricomporle; ascolto Chopin, “Notturno in si bemolle minore” e non ho bisogno di altro che quel sapore dolce-amaro già racchiuso in un romanticismo non di maniera ma realmente sentito nel sangue e nella pelle. Mi scivola sopra, mi scuote e mi penetra un brivido quando il senso del vero si palesa come autentico e quasi dogmatico, il modo maggiore che esplode e si inalbera, si erge serico con echi modali nei rapidi arpeggi che sembrano gocce lasciate cadere per caso. Profuma di amore e di alcove disfatte, di fumo e di fiori.
Rifletto su quanto doloroso possa essere il bisogno di un altro, la voce che urla incessante, la bestia che mi possiede, il demonio che strepita in me. Mi accorgo che la poesia è un po’come la vita, una mosca catturata in un bicchiere capovolto, che ronza e sbatte contro il vetro senza fermarsi mai.

Guido Mazzolini

Anima e mente dovrebbero viaggiare in sincronia, ma in realtà parlano linguaggi differenti. Raziocinio e sentimento, cuore e cervello, stereotipi che la cultura ha infilato addosso alla medesima essenza. È più facile distinguere, pensare all’essere umano come una macchina complessa capace di ragionamento e di impulso. E collocare il primo nella scatola cranica, quella teca bianca d’ossa che ci sovrasta. E regalare il secondo al cuore, quella pompa gommosa nel centro del petto, leggermente inclinata verso sinistra. E in quel muscolo involontario abbiamo erroneamente destinato la casa di ciò che chiamiamo sentimento, il nostro sentire, il percepire e tutto quello che concerne il bisogno d’amore, di dare e ricevere gioia, il bisogno d’infinito, l’istinto di un’eternità che ci attende.
Immagino queste due facce collegate dal medesimo filo. Due piccole isole, ma immense. Circondate dallo stesso mare, acqua che genera vita, oceano di un silenzio buono che non crea assenza, ma al contrario riempie le orecchie di voci che in nessun altro modo potresti sentire. È il silenzio del nulla e della gola, il silenzio che riempie. È il silenzio di chi non conosce la paura.

Guido Mazzolini

…..Meraviglioso Guido Mazzolini

-Uomo di pianura-

Sono nato di pianura senza chiederlo, respirando il cielo e calpestando il suolo. La mia terra è una spianata uniforme di campi distesi e mozziconi di case, paesi e città che interrompono l’orizzonte, campanili di mattoni e cascine. La nebbia mi avvolge e ogni inverno tutto diventa più incerto. Riesco a intuire il profilo delle cose, mi sento parte di un mondo di pane e cotone. Un po’ di quel grigio mi entra negli occhi e quasi non rimpiango più il sole. Vicoli e strade, braccia e andature padane che ondeggiano. Occhi e passi svelti, spalle grandi di agricoltori, unghie scure di terra e sguardi fondi, abituati a scrutare il cielo prevedendo pioggia. Volti lombardi, carichi di storia e generazioni piovute dal cuore dell’Europa, infilate in questo dito di penisola che s’insinua nel mare. Espressioni di un passato che aderisce al volto come un marchio. Sono le mie radici, cromosomi persi nella notte del tempo che hanno generato le mie cellule e tutto ciò che sono.
Siamo tutti fratelli di una sconfinata umanità, e ci appartiene la medesima patria, ma in fondo abitiamo case diverse, ognuna con le proprie abitudini. Diversi usi, costumi, dialetti, cadenze nella voce. Il mio essere lombardo ha radici antiche e camune, di golasecca, galli e romani, barbari ostrogoti e longobardi. Quanti popoli e passi stranieri, voci e sguardi di confine. Immagino i loro respiri disperdersi nel freddo della notte, i fuochi dell’inverno, e capanne e pietre. E nel mio sangue scorre un po’ del loro, piccoli rivoli stranieri che si mischiano e generano il mio presente, il mio respiro, le mie ossa.

Scrivere, esprimere. In fondo è davvero così, la verità è nulla senza la possibilità di raccontarla. La bellezza, il tempo che passa, le rughe delle vita sarebbero niente se non venissero espresse. “Exprimere”, spremere, tirare fuori. Come si fa col dentifricio, con un’idea o una sensazione accennata. Come si fa con un rimorso, un pensiero, un desiderio, un’ipotesi. E quanto ancora da spremere, quante parole che affollano l’aria come farfalle trasparenti.

Guido Mazzolini

Scrivo per te queste parole
sparse sul tavolo come chicchi di riso,
riposte in un angolo, in attesa dell’inverno
scrivo per te queste parole
celate in uno scrigno di sintassi
e di meticolose meraviglie
dipinte dal silenzio del mio dire
queste parole sciolte
al primo sole di un’estate
legate al dubbio, al grido di rancore,
queste parole sghembe,
zoppe, ferite, sanguinanti
le mie parole folli
che tu chiami poesia.

Guido Mazzolini

Possiamo salvarci. È l’ascesi la chiave per uscire da questa logica post-moderna che condanna l’uomo a essere un patetico mulo attaccato alla soma del bisogno. Il desiderio di mondo e di terra ci inchioda a razzolare nel fango, dimenticando che il cielo è sopra di noi. Così ci accontentiamo di avere certezze che diventano presto domande inespresse. Siamo privi di una visione che potrebbe portarci a desiderare l’impossibile. L’edonismo assoluto chiama alla negazione dell’altro nel nome esclusivo del sé, abituandoci all’esercizio del cinismo e del dubbio, non come portatore di ricerca, ma come immobile frontiera invalicabile che ci priva della possibilità di trovare una risposta dentro noi stessi. Il limite ci pone davanti al Mistero. Fra le innumerevoli smanie di assolutismo, abbiamo smesso di cercare l’Assoluto.

Guido Mazzolini