Posts contrassegnato dai tag ‘essenza’

In sogno

Pubblicato: maggio 20, 2014 in Uncategorized
Tag:, , , , , ,

In sogno

Annunci

Padre

Pubblicato: gennaio 18, 2014 in Uncategorized
Tag:, , , , ,

Ritrovo ogni dove sconfinate dolcezze
negli occhi di chi si domanda
e più non intende verdetti.
Io so, non comprendi gli sprechi
lo strazio di giorni feroci
che come animali randagi
invadono i tuoi
di vecchio, di saggio
che ormai si riposa
e ammaina le vele di un ultimo viaggio.
Padre per sempre
così come sono
io che cavalco quest’anni
di brezza, di tuono
d’inganni e passioni,
già un poco trascino più incerto il mio passo
su estremi orizzonti
di te che sei Sogno
ed io mentitore di folli miraggi.

(“L’Attimo e l’Essenza” Arduino Sacco Editore”)

 

                          

Canzone

Pubblicato: ottobre 23, 2013 in poesia
Tag:, , ,

Canzone

Le donne che ho avuto

Pubblicato: settembre 26, 2013 in poesia
Tag:, , ,

Le donne che ho avuto
profumano ancora
di brace e di fiele
d’asfalto e vaniglia
di letti disfatti.
La mano hanno teso
attrici di illuse commedie
e non mi condussero molto lontano
al breve confine soltanto
di un sogno che piano s’infranse.
Qualcuna mi rise
qualcuna mi pianse
ma nulla mai strinsero a me
nemmeno un’impronta accennata
o un breve disegno di sole
ed ora che posso
specchiare i miei occhi
nel fondo dei suoi
imparo ad amare
la gioia che scrivo
nei versi distratti
imparo il dolore
e ad essere vivo.

(L’Attimo e l’Essenza – Arduino Sacco Editore)

Divento arcobaleno

Pubblicato: settembre 24, 2013 in poesia
Tag:, , ,

Divento arcobaleno

Scrivere amore

Pubblicato: settembre 15, 2013 in Uncategorized
Tag:, , ,

Scrivere amore

AMO

Pubblicato: luglio 9, 2013 in poesia
Tag:, , ,

Amo di bizzarro sentimento,
ammalorato.
Amo di dolore sordido
di sangue e umori.
Amo il tuo restare, l’impenitente ardire.
Amo, ma d’amore stanco,
imperfetta immagine di perfezione,
metafora insana, gelido artiglio.
Amo l’incedere lento delle tue mani arse
sul mio corpo di pietra.
Amo essere ancora,
amare e gemere, fluire il tuo corpo
per saziarmi di tua sembianza
e ricordarti, immobile,
muta com’eri un tempo.

(L’Attimo e l’Essenza)