A tutte le donne, a chi mi ha messo al mondo e mi ha tenuto in vita, a chi mi ha amato, voluto, afferrato e lasciato andare. Madri, spose, sorelle, figlie. Donne che portano la primavera negli occhi, donne pronte a entrare in trincea, donne che redimono, donne da maledire quando le hai perdute. Donne che sono l’altra faccia della luna, quella misteriosa che affascina i marinai. Donne tratte dall’uomo, donne di latte e cotone.
Le donne sono protagoniste dei miei romanzi e spesso compaiono nelle mie poesie. Penso a Clelia de ‘La ragione degli alberi’, o Claudia di ‘Un celeste divenire’. Sono donne che aprono porte e spalancano cieli e cattedrali, donne che salvano la vita agli uomini.
Pensiamoci bene quando cerchiamo di prevaricare e, supponenti, parliamo di un fantomatico “sesso debole”. Abitiamo il mondo, questo mondo, grazie a una donna che ha scelto di essere fucina e nido, braccia, pensiero e cuore. Pensiamoci sempre, pensiamoci grati.

Guido Mazzolini

commenti
  1. Nemesys ha detto:

    Che meraviglia! Un vero tripudio alla donna!!!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...